NEWS

giovanni sollima in concerto

“The missing link” – Giovanni Sollima e dall’Arianna Art Ensemble in concerto a Casa Professa

Ad inaugurare L’VIII Stagione Concertistica dell’Associazione Musicamente , questa sera  23 Dicembre 2018 alle ore 21:00 nella chiesa di Casa Professa, sarà il concerto dal titolo “The missing link”, protagonista uno dei più grandi violoncellisti al mondo, Giovanni Sollima, accompagnato per l’occasione dall’Arianna Art Ensemble: Francesco Colletti e Sara Bagnati (violini), Giorgio Chinnici (viola), Cinzia Guarino (clavicembalo), Andrea Rigano (violoncello), Paolo Rigano (arciliuto), Alessandro Nasello (fagotto). 

L’istrionico artista torna a Palermo, la sua città, con un nuovo progetto dedicato al compositore romano Giovanni Battista Costanzi, detto “Giovannino del Violoncello”. Sconosciuto a molti, per Sollima, Costanzi è l’anello mancante della storia del violoncello: virtuoso dello strumento, stimatissimo autore di musica sacra, oratori, opere e cantate.
Durante la serata verranno eseguiti il Concerto in Sol maggiore di Costanzi in prima esecuzione assoluta in Italia ed alcune Sinfonie e Sonate per violoncello e basso continuo dello stesso, straordinarie per evoluzione tecnica e virtuosistica, unita a forza lirica, espressiva ed addirittura visionaria. Accanto ai brani di Costanzi che recentemente Sollima e l’Arianna hanno inciso per la casa discografica Glossa, verranno eseguiti brani di Sollima e di Paolo Rigano.
Sabato 19 Gennaio 2019 all’oratorio di Santa Cita alle 21:00 sarà ospite il duo Basilio Timpanaro e Vittoria Melik con in programma le Sonate di J. S. Bach per violino e clavicembalo.
Le sei Sonate per violino e cembalo (BWV 1016-1019), composte da Bach negli anni di Cöthen (1717-1723), costituiscono uno di quei cicli organici in ognuno dei quali il musicista compie un’esaustiva esplorazione delle potenzialità tecniche ed espressive di uno strumento o di un gruppo di strumenti. A differenza della tradizionale sonata barocca per violino e basso continuo, in cui è lo strumento ad arco a svolgere la funzione solistica, in queste Sonate Bach crea, per primo, la Sonata per cembalo obbligato o concertato, una struttura musicale moderna in cui alla mano destra del cembalo viene affidata una parte già scritta per esteso con funzione solistica alla pari del violino.

Venerdi 15 Febbraio 2019 presso l’Oratorio di San Mercurio alle ore 21:00 avrà luogo il recital del liutista Simone Vallerotonda “L’ultimo Romano”.
Il rigore contrappuntistico della “scuola romana”, la leggerezza immediata delle canzoni alla moda suonate sulla chitarra, il virtuosismo fulmineo e la grazia galante e melodiosa: questi sono i colori che dipingono il grande affresco sulla città eterna. Partendo dalla fine del ‘500 fino ad arrivare al ‘700, autori come Lorenzino, Kapsberger, Valdambrini e Zamboni, che si firmano orgogliosamente con l’aggettivo “romano” accanto al proprio nome, si dimostrano, pur nelle loro caratteristiche individuali e specifiche, accomunati da uno stesso spirito compositivo fatto di
densità, rigore, maestosità e schiettezza espressiva.
All’interno di questo quadro, l’arciliuto e la chitarra, strumenti principi del barocco, rievocano tutte queste sfaccettature oltrepassando i secoli senza mai invecchiare perchè da sempre antichi.

Sabato 2 Marzo 2019 alle ore 21.00, saranno agilità, trilli e doppie corde ad inondare di note l’Oratorio di Santa Cita. Il programma propone musiche di Alessandro Scarlatti, Bonporti e Vivaldi.
Ad affrontare le impervie partiture saranno la voce del soprano Gemma Bertagnolli, accompagnata dall’Arianna Art Ensemble.
Importante esponente del repertorio antico e barocco e ospite nei più importanti Festival in e fuori Europa, il soprano Gemma Bertagnolli vanta importanti riconoscimenti della critica quali Gramophone Award, Choc du Monde de la Musique, Timbre de Platine d’Opéra International, in particolare per le partecipazioni alla Vivaldi Edition di Naïve.

Venerdì 12 aprile 2019 presso l’Oratorio di Santa Cita alle ore 21:00 avrà luogo il quinto appuntamento della Stagione concertistica musicalmente, con un programma che è un tripudio di timbri e infinite invenzioni melodiche e ritmiche.
In programma il concerto per tromba ,violino, archi e basso continuo di Georg Philipp Telemann; il concerto per fagotto ed orchestra in do maggiore (GWV 301); di Christoph Graupner; il secondo concerto branderburghese (BWV 1047) e il concerto per violino in Mi magg. di J. S. Bach.
Interpreti di questi concerti saranno tre importanti artisti del nostro tempo il violinista Boris Begelmann, Jonathan Pia alla tromba, e Alessandro Nasello al fagotto, accompagnati dall’Arianna Art Ensemble.

Domenica 26 Maggio 2019 alle ore 21:00 presso l’Oratorio di Santa Cita andrà in scena lo spettacolo “Le acque di mezzo” con la regia di Gianfranco Perriera, regista, saggista ed autore teatrale e con Elena Pistillo e Silvia Di Giovanna, attrici.
Testi da Omero, Virgilio, Omar Khayyam, Yunus Emre, Dante Alighieri, Ludovico Ariosto, Luid de Gongora, Arthur Rimbaud, Costatin Kavafis, Fernando Pessoa, Adonis ed Ismail Kadare saranno liberamente intrecciati e combinati in uno spettacolo che è un intenso connubio tra musica e recitazione. Le musiche di scena saranno affidate all’Arianna Art Ensemble.
La vocazione poetica della parola e la struggente universalità della musica ci condurranno alla scoperta di mondi e di stili di vita diversi, tutti animati dal desiderio di render l’umano più gentile e il sapere e il sentire più aperti alla diversità. Due donne costrette a migrare, dopo aver navigato per l’intero Mediterraneo, giungeranno a Palermo dove incontreranno un’accoglienza amichevole. Ma come ogni meta che si rispetti, Palermo è anche il punto di svolta, di una nuova partenza…
L’VIII Stagione Concertistica dell’Associazione Musicamente si chiuderà Venerdì 14 Giugno 2019 alle ore 17:15 a Palazzo Mirto.
In programma il trio per pianoforte di Beethoven il do minore, il trio di Clara Schumann opera 17 e i Fantasiestucke di Robert Schumann opera 88.
L’esecuzione sarà affidata alle mani esperte degli artisti:
Francesco Colletti (violino), Andrea Rigano (violoncello), Cinzia Guarino (fortepiano).