NEWS

motta e nada

Sanremo 2019: Motta e Nada vincono il premio del miglior duetto con “Dov’e’ l’Italia”

Il venerdì sanremese è la serata dedicata ai duetti, ovvero gli artisti in gara si esibiscono con una versione rivisitata delle loro canzoni arricchita dalla presenza di numerosi ospiti.  Motta e Nada si aggiudicano il premio   “Miglior Duetto”   assegnato dalla Giuria d’Onore del “Festival di Sanremo”.  con il brano “Dov’è l’Italia”. 

L’assegnazione del premio è stata affidata ala giuria d’onore presieduta da Mauro Pagani, già Direttore Artistico del Festival: gli altri “giurati” saranno Ferzan OzpetekCamila RaznovichClaudia PandolfiElena Sofia RicciBeppe SevergniniSerena DandiniJoe Bastianich (20%). Oltre al televoto (con un peso del 50 %), e quella dei giornalisti della sala stampa (30%).

Sul palco 56 artisti che hanno regalato musica, arte ed emozioni. I primi ad esibirsi sono stati Federica Carta con Shade che duettano insieme a Cristina D’Avena sulle note di “Senza farlo apposta” un trio che ha reso ancora più incisivo il brano.

Per dare ancora più calore soul al suo pezzo Irama duetta con NoemiLa ragazza con il cuore di latta”.

Patty Pravo  insieme al giovane rapper Briga hanno chiamato a cantare con loro il cantautore siciliano Giovanni Caccamo sulle note di “Un po’ come la vita”.

Le strade del rock quando si incontrano fanno ancora più rumore, è il caso dei Negrita con Enrico Ruggeri e Roy Paci ne“I ragazzi stanno bene”.

Tre ragazzi che cantano nel mondo l’orgoglio italiano, hanno scelto un violinista di razza Alessandro Quarta che accompagnasse il Volo in “Musica che resta”.

Arisa sul palco si è presentata con Tony Hadley ex voce degli Spandau Ballet e una coreografia d’autore firmata dai kataklò con “Mi sento Bene”.

Nel festival degli opposti due voci hanno voluto fondersi tra pop e soul lui è Mahmood con Gué Pequeno“Soldi”.

Ghemon con Diodato e i Calibro 35 “Rose Viola”.

Artista sensibile dalla voce potente Francesco Renga, ha deciso di impreziosire la sua canzone con il coautore del brano ovvero Bungaroe a danzare con loro l’etoile Eleonora Abbagnato e Friedemann Vogel“Aspetto che torni”.

Un’ amicizia consolidata ed un legame artistico, quello tra Ultimo che ha voluto con sè Fabrizio Moro per il brano “I tuoi particolari” che con la sua voce graffiata rende il brano ancora più unico.

Nek invece fonde la musica pop con le parole di Neri Marcorè “Mi farò trovare pronto”.

Boomdabash con Rocco Hunt e i musici cantori di Milano che hanno trasformato la loro musica vivace in piena di sole “Per un milione”.

L’amore è una dittatura” dei The Zen Circus ha visto la partecipazione di Brunori Sas.

Paola Turci  decide di duettare con  Beppe fiorello “ L’Ultimo Ostacolo”.

Anna Tatangelo Syria cantano “Le nostre anime di notte”. Gli Ex Otago ospitano Jack Savoretti “Solo una canzone”. Enrico Nigiotti con al pianoforte Paolo Jannacci e Massimo ottoni “Nonno Hollywood”.

Due donne che aggrediscono il palco con il loro rock sono Loredana Bertè e Irene Grandi “Cosa ti aspetti da me” ed è ancora standing ovation.

Un giovane smarrito nel mondo digitale dà vita a “Argentovivo” brano di Daniele Silvestri che duetta insieme a Manuel Agnelli e Rancore.

Un intreccio di voci di gioventù si incontrano così tre assi contemporanei Einar che duetta con Sergio Sylvestre e Biondo.

Due artisti contraddistinti da una scrittura che privilegia la poesia e l’umanità sono Simone Cristicchi con Ermal Meta in “Abbi cura di me”.