MANFREDI TUMMINELLO NEWS

quattro in concerto

QUATTRO, AL RIDOTTO DELLO SPASIMO DI PALERMO

SI CHIAMA QUATTRO ED è UN INNOVATIVO PROGETTO ARTISTICO NATO DALLA PASSIONE CONDIVISA PER LA MUSICA DI CLAUDIO TERZO, MANFREDI TUMMINELLO, UMBERTO PORCARO E FERDINANDO MONCADA. L’IDEA è QUELLA DI PROPORRE AL PUBBLICO UNO SPETTACOLO BASATO SULLO STRUMENTO CHITARRA ACUSTICA, SUONATO AD ARTE DAI QUATTRO FRONT-MAN. IL CONCERTO SI TERRà MERCOLEDÌ 24 MAGGIO PRESSO IL RIDOTTO DELLO SPASIMO-BLUE BRASS DI PALERMO CON UN DOPPIO SET: ORE 20.35 E ORE 22.35.

Gli ascoltatori noteranno immediatamente quanto è difficile non essere conquistati dall’energia e dalla complicità che i quattro artisti portano sul palco. Quattro, infatti, è passione comune per la chitarra acustica condivisa da quattro voci uniche, ognuna nel proprio genere. Si tratta di Manfredi Tumminello, Claudio Terzo, Umberto Porcaro e Ferdinando Moncada, veterani dei palchi da solisti o con le rispettive band.

Ogni loro esibizione trasuda energia, magia, atmosfera e calore, per divenire uno spettacolo vivace e frizzante, ricco di virtuosismi musicali. Calore è proprio la parola che maggiormente caratterizza il progetto, perché è questa la sensazione che prova chi ascolta un live di Quattro, ed è presente anche nella scelta dei brani. Quel che viene fuori dal progetto Quattro è un’accurata selezione di brani interpretati dai 4 musicisti e cantanti in chiave totalmente acustica e in polifonia vocale. Il repertorio di Quattro è, appunto, variegato e ricco di tutti i generi musicali; le sonorità dei musicisti si alternano e si accompagnano fino a diventare un’unica chitarra e una sola voce. Un progetto che non ha limiti, un progetto in cui ogni pezzo viene rivisitato in chiave acustica, senza paura di proporre un repertorio variegato che abbraccia tutti i generi musicali. Sarà possibile ascoltare ad esempio “I‟m on fire” di Bruce Springsteen, un medley swing, la colonna sonora di “Un tranquillo week end di paura”, brani dalle sonorità blues e tanti altro. La formula magica è rappresentata da una grande complicità dei Quattro chitarristi, grande capacità tecnica (evidente anche durante i momenti di improvvisazione presenti durante il live), amore e rispetto per la musica, lo strumento e il pubblico.

[su_frame align=”center”][adrotate banner=”1″] – [adrotate banner=”2″][/su_frame]