NEWS

YILIAN CANIZARES PORTA A CATANIA LE TRADIZIONI CUBANE

TUTTO PRONTO AL MA DI CATANIA PER L’ELEGANTE E RAFFINATO CONCERTO CHE SI TERRà QUESTA SERA A PARTIRE DALLE 18. SUL PALCO CATANESE SI ESIBIRANNO YILIAN CANIZARES E DANIEL STAWINSKI, ECCEZIONALI MUSICISTI. LA PRIMA, CUBANA ENERGICA E VERACE, SUONERà IL VIOLINO E CANTERà, IL SECOND, INVECE, SARà AL PIANOFORTE. INSIEME, CREERANNO UN’ATMOSFERA MISTICA PER UNO SPETTACOLO COINVOLGENTE E MERAVIGLIOSAMENTE RICCO DI MISCELE DI CULTURE E RITMI JAZZ, CLASSICI E AFRO-CUBANI.

Yilian Cañizares ha una voce forte e vivace, da molti addirittura definita ultraterrena poiché lascia senza fiato. L’artista, nata a l’Avana e stabilitasi in Svizzera verso i trent’anni, porta nella sua musica un gran rispetto per il passato e una forte sensibilità volta al futuro. Attualmente ha all’attivo due acclamati album: l’autoprodotto Ochumare del 2013 e Invocación del 2015, sotto la guida di Alê Siqueira (Roberto Fonseca, Omara Portuondo) hanno rafforzato la sua reputazione come artista innovatrice e capace di attraversare i confini musicali. Non per nulla è stata dichiarata “rivelazione dell’anno” dal settimanale francese Le Nouvel Observateur: con il suo carisma, un mosaico di influenze e la facilità con la quale canta e suona il violino allo stesso tempo, Cañizares è una vera scoperta. A partire dagli anni 2000 tutte le più grandi orchestre del mondo hanno iniziato a convocarla e dopo il trasferimento a Losanna, l’artista ha passato sei anni a dare il suo notevole contributo a sinfonie, concerti ed ensemble. Nel 2008 ha creato un quartetto di musicisti provenienti da Germania, Venezuela e Svizzera (e in seguito, Cuba) e l’ha chiamato “Ochumare”, per la divinità orisha degli arcobaleni. Sei mesi dopo ha vinto con questo gruppo il Montreux Jazz Festival Competition. Da allora è stato tutto un crescendo. Nel 2011 ha impreziosito il progetto “Havana Cultura” di Gilles Peterson, condividendo il palco con divinità jazz come Ibrahim Malouf e Omar Sosa. Più di recente, ha cantato in francese e in yoruba, lingua degli antenati dell’Africa occidentale, arricchendo le parole con le percussioni afrocubane.

[su_frame align=”center”][adrotate banner=”1″] – [adrotate banner=”2″][/su_frame]