NEWS

Tour Europeo di MICHAEL BOLTON, l’artista sceglie Palermo come unica data italiana

L’artista americano Michael Bolton sta attualmente viaggiando in tutta Europa sulle note dei suoi grandi classici e dei brani dell’ultimo album “Songs Of Cinema”. Come unico appuntamento in Italia, Bolton ha scelto Palermo e il Teatro di Verdura per esibirsi e regalare al pubblico uno degli eventi più importanti dell’estate siciliana previsto per il prossimo 2 agosto.

Il concerto a Palermo, che vedrà Michael Bolton solcare per la prima volta il palco del Teatro di Verdura, è l’unica data estiva in Italia tra gli appuntamenti del tour europeo dell’artista. Nel corso della sua lunga carriera iniziata negli anni ‘70, Michael Bolton ha venduto oltre 65 milioni di dischi in tutto il mondo. Ha saputo interpretare al meglio molti generi musicali, dimostrando la duttilità, il calore e l’intensità di una voce che ha indossato quasi tutti gli abiti delle sette note: dall’easy listening al soul, dal rock al blues, dal jazz al crossover classico. Famosa è la sua parentesi dedicata alle romanze più famose della lirica e ai suoi duetti con Luciano Pavarotti e Placido Domingo. Uno di questi affascinanti concerti, ma senza i due tenori, l’ha visto protagonista anche al Teatro Massimo Bellini di Catania poco più di quindici anni fa. Bolton ha firmato canzoni che hanno segnato un’epoca come “How I’m supposed to live without you”, o le sue uniche reinterpretazioni di “When a man loves a woman” e “(Sittin’ on) the Dock of the Bay”. Negli anni si è dedicato a sperimentare le sue corde bianche a tinte nere su ogni genere: ha rivisitato Otis Redding, Percy Sledge, Ray Charles, B.B. King e di recente Frank Sinatra.  L’artista si è distinto anche per le sue doti da compositore, lavorando per grandissimi nomi come Barbra Streisand, Patti La Belle e Kenny Rogers.

Durante l’esibizione a Palermo non mancheranno i brani tratti dalla sua ultima fatica discografica intitolata “Songs Of Cinema”. Pubblicato lo scorso febbraio, è un cd dedicato al cinema in cui l’artista, nato 64 anni fa a New Heaven (Connecticut), offre le atmosfere soul e un po’ fumose, eleganti e nostalgiche di canzoni che hanno valicato la stessa fama dei film: da “I will always love you”, portata al successo da Whitney Houston ma composta e in questo album anche cantata da Dolly Parton, a “Somewhere over the rainbow”, fino ad “As time goes by”.

[su_frame align=”center”][adrotate banner=”1″] – [adrotate banner=”2″][/su_frame]