NEWS

Ron reinterpreta Dalla: “Lucio!” è il suo nuovo album

Dopo la partecipazione al Festival di Sanremo con ‘Almeno pensami’, canzone inedita di Lucio Dalla,  arriva ‘Lucio!’,  il nuovo disco di Ron che contiene oltre al brano sanremese altri undici successi di Lucio Dalla  da lui riarrangiati e reinterpretati, tra cui ‘Piazza grande’, ‘Attenti al lupo’ e ‘4/1943’. Il 6 e il 7 maggio il cantante presenterà dal vivo il progetto a Milano e a Roma.

Ron dichiara di aver scelto le canzoni contenute nel nuovo album  d’istinto, cominciando la scaletta con ‘Almeno pensami’e alternadola con brani del passato ad altri più recenti. Ascoltandolo si può percepire la sua evoluzione e la sua crescita musicale. Oltre al singolo vincitore del premio della critica all’Ariston, ci sono altre undici canzoni, di cui tre scritte con Ron: ‘Chissà se lo sai’ e ‘Piazza grande’, dove si sente la voce di Dalla, e ‘Attenti al lupo’. Ciò che salta subito all’orecchio sono gli arrangiamenti che risultano più minimali e asciutti rispetto agli originali. Il disco è stato registrato  in presa diretta, cercando di leggere tutto con semplicità e con pochi strumenti.
‘Com’è profondo il mare’, capolavoro di Dalla del 1977 contenuto nell’omonimo disco, è riletto in chiave rock, in una versione più ruvida rispetto a quella arrangiata da Ron all’epoca della prima incisione. Dopo ‘Almeno pensami’ potrebbero esserci altri gioielli nascosti del repertorio del cantautore bolognese e infatti Ron dichiara:

“Mi auguro che ci sia ancora altro materiale e che gli eredi possano trovarlo. Senza Lucio io non sarei stato qua, perché lui ci vedeva lungo e ha visto chi ero musicalmente. Ci siamo scambiati passioni musicali”.

Previsti due live, il 6 e 7 maggio a Milano e Roma al Teatro Dal Verme e all’Auditorium Parco della Musica. Lo spettacolo dal vivo sarà a metà tra il concerto e la pièce teatrale, prevede 18/20 canzoni di Lucio Dalla e avrà dei contributi video. “Sarà uno spettacolo teatrale, scriverò anche quello dei testi per presentare le canzoni: Lucio va raccontato, oltre che cantato”, conclude Ron.