NEWS

Parte da Londra il tour del cantautore italo-inglese Sergio Beercock

È ufficiale: partirà il prossimo 16 maggio da Londra il nuovo tour del cantautore italo-inglese Sergio Beercock. L’artista ripercorrerà, attraverso sette tappe, i luoghi e le terre della sua infanzia con un compagno di viaggio speciale: il disco d’esordio “Wollow”, per la prima volta presentato Oltremanica.

Dopo l’ottima accoglienza da parte di pubblico e critica italiani, ecco le sei date del tour di presentazione dell’album “Wollow” di Sergio Beercock nel Regno Unito:

16 maggio – The Nest Collective – morning live Radio Session– London

16 maggio –  Tuesday Tunes – 81 Renshaw Street Cafe – Liverpool

17 maggio – Mellowtone Records night – Liverpool

18 maggio – The Albion Beatnik w/Sebastian Reynolds – Oxford

19 maggio – The Nest Collective – Campfire Club Fridays – London

20 maggio – Wood Festival – Oxfordshire

24 maggio – The Adelphi – Hull

Durante questi 7 appuntamenti Beercock parteciperà alla nota trasmissione radiofonica “The Nest Collective” di Sam Lee, premiato cantante e musicista folk e creatore del programma radiofonico nonché di una serie di innovativi eventi e concerti in giro per Londra, tra i quali le notti Unplugged CAMPFIRE NIGHTS. Le tappe si concluderanno nella città natale del cantautore italo-inglese, Hull, luogo che indubbiamente risveglierà in lui le innumerevoli storie invisibili legate ai luoghi, i suoni e i colori che più lo hanno influenzato: i borghi dello Yorkshire, insieme ai casolari rurali della Sicilia in cui è cresciuto e al riverbero delle Ande sudamericane che ha scoperto da adolescente.

L’album “Wollow” è nato al culmine di un periodo artistico molto intenso; il cantautore ha scritto i testi e suonato pressoché tutti gli strumenti coinvolti nel CD: è arrivato in studio armato di guitalele e voce con l’intenzione di “fotografare” ciò che era avvenuto dal vivo nell’ultimo anno. L’incontro artistico con il produttore Fabio Rizzo ha però generato scintille che hanno rivelato un Beercock formidabile polistrumentista in grado di suonare dal charango al pianoforte, dal flauto boliviano ai synth, fino a percussioni di ogni tipo, compreso il proprio corpo.

[su_frame align=”center”][adrotate banner=”1″] – [adrotate banner=”2″][/su_frame]