NEWS

A Palermo la seconda tappa del tour di Cesare Basile “U Fujutu su nesci chi fa?”

[su_frame] [/su_frame]Prosegue il tour di Cesare Basile che giunge a Palermo per la seconda tappa del suo “U Fujutu su nesci chi fa?”. Dopo aver inaugurato ieri sera il ciclo di concerti che lo vedrà coinvolto in giro per l’Italia, Basile si esibirà live questa sera alle ore 22 presso i Candelai di Palermo. Ad accompagnarlo sul palco sarà una band molto interessante formata da Massimo Ferrarotto, Luca Recchia, Simona Norato, Sara Ardizzoni e Roberta Gulisano noti come I Caminanti.

Dopo il successo della prima tappa al Teatro Coppola di Catania, Cesare Basile prosegue il suo tour promozionale dell’ultimo progetto discografico “U Fujutu su nesci chi fa?”. Si tratta di un album all’interno del quale Basile ha fatto la coraggiosa scelta di uscire dai cliché attraverso il racconto di storie, ipocrisia e falsità utilizzando il dialetto siciliano. Le sue sono storie sulla volgarità del potere politico-economico che ci vorrebbe tutti schiavi e silenti a condurre una vita sana e regolare, senza responsabilità nelle scelte della frenesia del consumare. Ogni traccia dell’album narra, da una diversa visuale, la proiezione amara che tutti noi siamo oggi costretti a vedere nelle lacrime e nel sangue degli oppressi e dei vinti, sopraffatti dalla brutalità del potere costituito che sempre più spesso e palesemente opera In barba alla vita umana e al suo sacro utilizzo, che viene così stravolta e calpestata, barbaramente umiliata. “U Fujutu su nesci chi fa?”, che arriva due anni dopo l’uscita dell’album “Tu prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più”, sembra così essere destinato a diventare un simbolo di affermazione nella musica e nelle canzoni di Basile. Nel corso di questa sera ai Candelai, Basile sarà accompagnato dai cori di Sara Ardizzoni e Roberta Gulisano, da Massimo Ferrarotto alla batteria, Luca Recchia al basso e Simona Norato al pianoforte.

Nel  mese di marzo Basile suonerà tra il centro ed il nord Italia facendo tappa a Cosenza, Napoli, Milano, Torino, Bologna, Firenze e Livorno.

[su_frame align=”center”][adrotate banner=”1″] – [adrotate banner=”2″][/su_frame]