Novità Discografiche – “Sorry”, il primo singolo di Federica Vincenti

Federica Vincenti, dopo aver lavorato per molti anni nel mondo del cinema e del teatro, esordisce nel mondo della musica con il singolo “Sorry”. La moglie di Michele Placido ed ex concorrente di The Voice Of Italy 2016 nel gruppo di Raffaella Carrà, racconta attraverso la sua prima canzone inedita la sacralità del chiedere scusa, motore di cambiamento e di crescita. L’arrangiamento del brano è curato da Diego Calvetti.

Seppur sia cresciuta nell’ambito della recitazione, Federica Vincenti, dopo aver partecipato al talent show canoro The Voice of Italy 2016, ha iniziato a sentire l’urgenza di comunicare le sue emozioni attraverso le note. Così nasce “Sorry”, il suo primo singolo inedito pensato, dice l’artista, “perché volevo raccontare una separazione, che quasi sempre viviamo come uno strappo, un improvviso smarrimento che cambia bruscamente le nostre certezze. “Sorry” è una parola “sacra”. Oggi la gente non chiede scusa per paura di sembrare debole agli occhi degli altri, ma chiedere scusa è segno di forza e di equilibrio. “Sorry” è un brano intimo ma denso di passione. Musicalmente si muove tra un ostinato pianistico, ambienti profondi e ritmiche sospese, tra pause e respiri, attesa e impeto. Ispirato a sonorità islandesi, in “Sorry” si dosa l’equilibrio tra il soffio etereo della voce e la profondità dei bassi profondi”.

L’artista leccese Federica Vincenti nasce a Scorrano (Lecce) nel 1983, fin da adolescente studia canto ma il suo percorso artistico parte a 13 anni dal teatro. A 19 anni entra all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” di Roma e studia recitazione, canto lirico e pianoforte. Dal 2006 partecipa a più di venti spettacoli teatrali assieme alle figure più rappresentative del teatro italiano. Nell’ultimo decennio produce per Goldenart Production dodici spettacoli teatrali e sei film per il cinema; da anni lavora per il teatro su nuovi progetti di musica dream pop con l’autore Mauro di Maggio e di post-classica col compositore Luca D’Alberto, musicista per il Tanztheater Pina Bausch di Berlino e per Peter Greenaway e Saskia Boddeke. Nel 2017 collabora all’album “Vitae” del compositore Davide Cavuti, interpretando un brano inedito scritto dallo stesso autore, “Your princess”. L’opera, a sostegno delle popolazioni dell’Aquila e di Amatrice, viene presentata alla 74° edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

Attachment