Nòe racconta la sua crescita musicale da “Non lo so” a “Le luci del cielo”

Nòe era una semplice bambina menfitana quando, ritrovatosi a cantare ore ed ore perdendo la cognizione del tempo, iniziava a capire che la musica per lei era un bisogno, una necessità. Per gioco, suonava scrivendo le note sui tasti di una tastiera del fratello ed incuriosita, si appassionava sempre più. Oggi è diventata un’artista amata ed affermata con al polso un originale braccialetto costruito con tanti bottoni, compagno di ogni suo live. “Questo piccolo oggetto rappresenta il mio alter ego, una piccola me che supera gli ostacoli grazie alla musica”.

Nel corso della sua giovane vita, la cantautrice siciliana Nòe, all’anagrafe Noemi Cannizzaro, ha avuto diverse influenze musicali: rock, pop, classica e dance, senza tralasciare nulla. Infatti, molto presto si rende conto del potere benefico che la musica ha su di lei: un vero e proprio toccasana, una scorta di benessere. Il suo stile si definisce così in modo vasto e multiforme, anche se lei stessa riconosce i Coldplay ed Elisa come i due artisti che maggiormente l’hanno formata con le loro canzoni capaci di esprimere a pieno la loro anima. E proprio Elisa, nel 2012, seleziona Nòe per aprire il concerto del suo raduno al Viper Club di Firenze. Esperienza replicata nel 2015 con il brano “Umori”.

La sua carriera, dunque, si avvia a partire da diverse esperienze fortunate con i live e i festival e, successivamente, si consolida con la scuola di Mogol, il Cet. “Questa scuola fu per me una vera e propria svolta – racconta Nòe-. Iniziai, infatti, a creare un mondo musicale tutto mio, con le mie canzoni e cercando di far vibrare la mia anima”.  Proprio presso il Cet, consegue nel 2013 il Diploma di Autore di testi con i maestri G. Anastasi e A. Rapetti Mogoli. Nel 2014 è prima classificata alla X Edizione di Musica Controcorrente e l’anno successivo è finalista alla Becks UnaCademy. Nel 2016 arricchisce il suo percorso presso la scuola di Mogol conseguendo il diploma di Composizione con il maestro G. Barbera.

Il suo carattere solare e la sua personalità affidabile l’hanno condotta verso numerose collaborazioni e unioni con molti artisti. “La mia principale collaborazione è quella che ho con l’autore Carmelo Piraino. Con lui ho iniziato a scrivere le mie prime canzoni e continuiamo a lavorare legati da una grande sintonia”.

Il 2016 è per Nòe un anno profondamente fortunato: il 20 marzo esce il primo singolo “Non lo so”, anticipatore dell’omonimo EP autoprodotto e pubblicato il 3 agosto; con lo stesso brano vince il Festival Show 2016 ed è prima classificata al concorso Note D’Autore. Attualmente Nòe suona come Busker in diverse città italiane per promuovere l’album e, contemporaneamente, lavora al suo secondo progetto.

Inoltre, come regalo di Natale per tutti i suoi fan, Nòe ha appena reso pubblico sulla sua pagina Facebook il video del suo secondo singolo estratto da “Non lo so” intitolato “Le luci del cielo”. Nòe commenta così la sorpresa per i fan: “Non è solo un regalo di Natale, ma anche un sogno che vivo insieme a voi ed il veliero vola verso le luci… 11.000 stelle sono state disegnate per questo video: auguro a tutti voi che possano guidarvi dall’alto!!”

 

 

 

Attachment