NEWS

Mannarino torna in concerto in Sicilia con il suo “L’Impero Crollerà”

 Mannarino torna in Sicilia con un’unica data isolana de “L’Impero Crollerà” prevista per il 12 aprile al Teatro Metropolitan di Catania. L’artista porterà in scena un nuovo concept pensato per una dimensione “più intima” e per offrire uno spettacolo inedito al pubblico che continua a seguire la sua evoluzione.

L’impero crollerà” nasce dall’esigenza di Mannarino di ritagliarsi uno spazio live di sperimentazione. “Impero” è una parola presente in varie canzoni dell’artista romano: è un simbolo ma anche una metafora; è anche quel luogo immaginario e distopico che fa da sfondo a molte delle sue storie.
Il legame tra Mannarino e la Sicilia è molto forte e il suo ultimo omaggio è “Ultra Pharum”, il nuovo brano registrato con Samuel a bordo del Red Bull Studio Mobile e da pochi giorni distribuita su tutte le piattaforme digitali. Un brano nato in Sicilia, a Castellammare del Golfo dove i due artisti hanno trascorso qualche giorno a due passi dal mare e lontano dalle proprie abitudini, cercando di trasferire nel brano tutte le vibrazioni del posto che li ha accolti, a partire proprio dal titolo “Ultra Pharum” che hanno scoperto e scelto durante gli ultimi giorni di registrazione: il nome antico dell’Isola “oltre il faro”, utilizzato durante il Regno delle Due Sicilie per indicare la parte insulare del regno.

Ed è proprio “oltre il faro” che, ancora oggi, si raccolgono infinite storie di migranti e viaggiatori, quella porta che unisce e separa l’Europa dall’Africa e che fa incontrare civiltà e popoli diversi che guardano allo stesso mare. Ed è da queste riflessioni che nasce il testo della canzone.

Sono state coinvolte nel progetto le persone incontrate sul posto durante la registrazione: dalla voce francese della cantante siciliana Benedetta di Pasquale, al coro senegalese “La mano di Francesco” passando per le numerose comparse locali che in quei giorni hanno frequentato lo studio mobile e che appariranno la prossima settimana nel videoclip girato in Sicilia che ha interpretato perfettamente i temi del brano: una storia che è la narrazione di un incontro tra diversità, ognuna con il proprio linguaggio e la propria ricchezza.