NEWS

L’UOMO E IL CIBO RACCONTATI IN DIGERSELTZ, LO SHOW MUSICALE DI FROSINI E TIMPANO

PER IL PUBBLICO DI VILLAFRATI, ELVIRA FROSINI E DANIELE TIMPANO PRESENTANO QUESTA SERA, ALLE ORE 21.15, UNO STRAORDINARIO SPETTACOLO SULLE MITOLOGIE CONTEMPORANEE DEL MANGIARE. I DUE AUTORI, ATTORI E FORMATORI ROMANI METTERANNO IN SCENA, SUL PALCO DEL TEATRO DEL BAGLIO, UNO SHOW PROVOCATORIO, RIFLESSIVO E A TRATTI IRONICO DAL TITOLO “DIGERSELTZ”. IL PUBBLICO ANALIZZERà E RIFLETTERà INSIEME AGLI ARTISTI SUL FENOMENO DEL CORPO DELL’ATTORE IN SCENA CHE MANGIA E SI FA MANGIARE IN UN’INDIGESTIONE DI PAROLE SUL RAPPORTO UOMO-CIBO AL GIORNO D’OGGI.

Il cibo come ossessione del nostro tempo e forse di tutti i tempi, il cibo come tema politico, l’atto del mangiare come insopprimibile azione di sostentamento, pratica culturale massificata, metafora ossessiva, implosione autodistruttiva. Eppure pur sempre azione sotterraneamente rituale, legata al rapporto con il nostro corpo e con la necessità di sfamarsi, con la morte, con il sacro, con una comunità. Questo il tema principale di “Digerseltz”, uno spettacolo interamente dedicato al tema del mangiare. Le musiche originali sono di Marco Maurizi. Il testo, la regia e l’interpretazione sono affidate ad Elvira Frosini con la collaborazione artistica di Daniele Timpano. I loro lavori sono stati rappresentati in numerosi teatri, festival, e contesti performativi in Italia e all’estero, tra gli altri: Teatro Argentina di Roma, Teatro Elfo Puccini, Teatro della Tosse di Genova, Teatro Bellini di Napoli, Festival Inequilibrio/Armunia a Castiglioncello, Short Theatre di Roma, Theatre de La Colline – Parigi, “Face a Face” / Theatre de la Ville Parigi, La Nuit Blanche – Parigi e molti altri. I loro progetti sono stati pubblicati da vari editori e sono stati premiati finalisti e vincitori in numerose occasioni. Ad esempio, lo spettacolo “Aldo morto” è stato candidato al Premio Ubu nel 2012 come migliore novità drammaturgica e ha successivamente vinto il Premio Rete Critica 2012 ed il premio NICO GARRONE 2013 per il progetto speciale “Aldo morto 54”.

[su_frame align=”center”][adrotate banner=”1″] – [adrotate banner=”2″][/su_frame]