LELLO ANALFINO & TINTURIA IN CONCERTO A MESSINA

LELLO ANALFINO & TINTURIA, BAND AGRIGENTINA DALLA CARRIERA VENTENNALE, PORTERANNO IL LORO STILE MUSICALE UNICO E IMMEDIATAMENTE RICONOSCIBILE IL PROSSIMO MERCOLEDÌ 27 DICEMBRE A PARTIRE DALLE ORE 21.00 SUL PALCO MONTATO PER LORO PRESSO LA PIAZZA CAIROLI DI MESSINA. LA SIMPATIA DI OGNI SINGOLO MEMBRO E L’ENERGIA PRESENTE IN TUTTI I BRANI HANNO RESO I TINTURIA UN FENOMENO MUSICALE SICILIANO CAPACE DI COINVOLGERE INTERE GENERAZIONI DI FAN E, SULLE NOTE DEI LORO SUCCESSI RECENTI O VETERANI, SONO CARICHI PER FAR BALLARE E DIVERTIRE OGNI SPETTATORE ANCHE DURANTE QUESTA NUOVA TAPPA.

I Tinturia sono: Angelo Spataro alla batteria, Domenico Cacciatore al basso, Edoardo Musumeci e Peppe Milia alla chitarra elettrica, Lino Costa alla chitarra. I testi in siciliano e l’accento agrigentino non sono mai stati un limite per l’approvazione ed il successo contagioso degli album dei Tinturia. La loro storia discografica inizia vent’anni fa, nel 1998, con l’album d’esordio Made in Raffadali, seguito l’anno successivo da Abusivi (di necessità). Con i primi pezzi inediti, la cover di Domenico Modugno “La donna riccia”, col testo riadattato e tradotto in siciliano e l’onore di pubblicare la colonna sonora nel 2002 del film di Ficarra e Picone Nati Stanchi, il fenomeno Tinturia si estende a macchia d’olio in tutta Italia. La voce del gruppo, Lello Analfino, è ormai considerato Re dello “Sbrong” made in Sicilia e la sua vena estrosa e geniale lo ha condotto alla scrittura di testi che hanno fatto la storia del reggae e dello ska siciliano. Il repertorio della band, infatti, è in grado di spaziare senza difficoltà dal pop al reggae, dal funk al rap fino al folk. Il loro ultimo progetto discografico, “Precario”, è uscito nel 2014 ed è stato prodotto dall’occhio vigile di Roy Paci. “Precario” è composto da sette testi che strizzano l’occhio al quotidiano e, non al sociale, termine ormai strausato, per catalogare la situazione odierna di cui prendere atto, ma distante da noi.