FREQUENZE RETRO' NEWS

Continua il tour dei Frequenze Retró, maggio tra la Puglia e la Sicilia

Anche per il mese di maggio prosegue il tour dei Frequenze Retró. A partire da oggi  11  maggio, infatti, la band suonerà in Puglia per cinque   date consecutive promuovendo il fortunato album “Nel cilindro di un mago”. Il quartetto acustico siciliano, conclusa la prima brillante parte del tour con un’ottima risposta del pubblico, è dunque pronto per continuare a diffondere in giro per l’Italia il suo jazz manouche e per far ballare e divertire i suoi numerosi fan.

I Frequenze Retró suoneranno oggi 11 maggio al Tangram a  Santeramo in Colle(BA) ,  il 12 maggio al Lu Mbroia Art & Lab di Corigliano D’Otranto (LE), il 13 maggio alle ore 13   al Club Letterario  Cibo per la mente di Taranto e alle ore 22  al New Magazine di Massafra (TA) infine  il 14 maggio al Bar da Carlo a Porto Badisco (LE).

Nel corso dei concerti la band formata da Valeria Graziani (voce), Salvo Agate (chitarra petite bouche), Maurizio Crivello (chitarra grande bouche) e Luca De Lorenzo (contrabbasso), eseguirà le dieci tracce che compongono l’album: Chaise Longue; L’uomo dei sogni; Les toi; Boudoir; Il paese del sol; Ballarò; Il gioco delle parti; Luna Park; La begonia della zia Lucia; Quattro stracci. Le 10 canzoni sono state definite dalla stessa band “semiserie”. Sono, infatti, ironiche e seriose al tempo stesso: “L’album è stato suonato con strumenti di liuteria, ripresi in studio contemporaneamente per restituire l’energia dell’esibizione dal vivo. Attraverso queste dieci canzoni viene espressa la voglia di affrancarsi dalla noia, dall’indolenza, dall’aridità e dall’intorpidimento globale”, racconta la band. Nell’album emerge chiaramente lo stile dei Frequenze Retrò, che affonda le proprie radici nel jazz manouche. Fin dalla istituzione della band, tuttavia, i Frequenze Retrò hanno espresso la loro voglia di ricercare e sperimentare nuove soluzioni sostituendo il violino con la voce, in un genere, il manouche, che nasce all’inizio del XX sec esclusivamente strumentale.

Testi e musiche sono di Valeria Graziani eccetto “Chaise Longue”, scritta con Salvatore Agate, “Les Toi” di Salvatore Agate e Soraya Lamrous e “Ballarò” di Salvatore Agate. Il disco, autoprodotto, vanta la collaborazione di Sergio Calì (batteria e vibrafono), Roberto Gervasi(fisarmonica), Nicola Giammarinaro (clarinetto) e Rares Morarescu (violino). L’uscita del disco “Nel cilindro di un mago” è stata accompagnata dal videoclip (regia di Ruben Monterosso e Federico Savonitto) del singolo (attualmente in rotazione radiofonica) “L’uomo dei sogni”.

[su_frame align=”center”][adrotate banner=”1″] – [adrotate banner=”2″][/su_frame]