NEWS

I Vorianova in concerto a Palermo per la Rassegna Intona Rumori Sound Fest

I Vorianova, trio musicale madonita formato dalla voce di Biagio di Gesaro, la chitarra di Luca di Martino e il pianoforte di Alessandra Macellaro La Franca, porteranno la loro musica sul palco del suggestivo Oratorio di San Mercurio di Palermo domenica 22 aprile alle ore 18.30. Per l’occasione si esibiranno con lo spettacolo “Cunti di Ventu”.  Il concerto rientra nella Rassegna Intona Rumori Sound Fest diretta da Alessandro Reina e coordinata da Danilo Lo Piccolo.

Nel concerto del 20 aprile, i Vorianova, gruppo originario di Isnello, che si è affermato nel mondo cantautoriale siciliano, porteranno in scena “Cunti di Ventu”. Testi e musiche portano la firma degli stessi Vorianova, mentre gli arrangiamenti sono di Alberto Maniaci.

La canzone d’autore dialettale siciliana è la caratteristica del progetto musicale dei Vorianova, una canzone che trova identità ed equilibrio in un genere nuovo privo di contaminazioni ed influenze popolari tradizionali. Le loro canzoni sono appunto ” Cunti di Ventu”, il vento come metafora di apparteneza, di ricerca e di desiderio di raccontare.

I Vorianova saranno accompagnati sul palco da Mariangela LampasonaGimmy Lampasona al violino, Riccardo Botta alla viola, Giorgio Garofalo al violoncello, Romina Denaro al basso e Fabrizio Pezzino alla batteria e alle percussioni.

La rassegna Intona Rumori Sound Fest  diretta da Alessandro Reina e coordinata da Danilo Lo Piccolo si propone di esplorare la musica nelle sue svariate forme: dalla musica antica all’elettronica, dalla barocca alla celtica, dal jazz all’elettro pop, dalla musicata tradizionale ebraica sefardite, yiddish fino all’operetta siciliana e alla musica di ricerca.

Cornice della rassegna internazionale sarà l’Oratorio di San Mercurio di Palermo, fondato nel 1557 sopra le falde del fiume Kemonia e decorato nel 1678 dal Maestro scultore Giacomo Serpotta, sua prima opera giovanile. L’oratorio, ornato da preziosi stucchi serpottiani, è adiacente alla chiesa di San Giovanni degli Eremiti, luogo che dà a tutta la zona un’importante contributo culturale.