In commercio “Amstrong”, il disco postumo di inediti di Giuni Russo

 “Armstrong”, disco postumo di inediti di Giuni Russo, la cantautrice siciliana scomparsa nel 2004, è in commercio dallo scorso venerdì 8 settembre. L’album, composto da otto brani mai incisi prima su un disco, è disponibile in versione doppio cd: vinile da collezione e digital download. Il disco, di cui è uscito in anteprima a luglio il videoclip del brano “Non voglio andare via” interpretato da Maria Grazia Cucinotta, anticipa il film sulla vita di Gini Russo.

“Armstrong” prende il titolo dall’omonimo brano che Giuni compose in onore del jazzista Louis Armstrong. Si tratta di un album contenente otto brani risalenti al 1980 e mai incisi su disco. I pezzi sono stati composti dalla stessa Giuni Russo – all’anagrafe Giuseppa Romeo – e da Maria Antonietta Sisini, sua compagna per oltre quarant’anni, nella vita e nel lavoro. Le otto canzoni sono permeate di vita vissuta, con la frustrazione e la rabbia che Giuni Russo provava nei confronti del mercato discografico, che non l’apprezzava mai fino in fondo e che non accettava la libertà artistica della cantautrice palermitana. I nastri originali sono stati riarrangiati da Stefano Medioli, storico musicista di Giuni, e da Pino “Pinaxa” Pischetola. La copertina, invece, è stata realizzata da un dipinto di un’amica di Giuni, che si firma con lo pseudonimo Nel Terzo Piano. “Armstrong” è stato anticipato, a luglio, dal video del brano “Non voglio andare via”, diretto da Carlo Fenizi e interpretato da Maria Grazia Cucinotta. La scelta dell’attrice è stata dettata da una simpatia reciproca – seppur a distanza –tra le due siciliane. Maria Antonietta Sesini racconta che Giuni Russo era un’ammiratrice della Cucinotta, di cui diceva: “Questa è un’altra siciliana che si è fatta da sola, senza l’aiuto di nessuno, mi piace”. E l’attrice, dal canto suo, ha raccolto con onore l’invito a prendere parte al video, ritenendo le canzoni di Giuni Russo delle vere e proprie opere d’arte.

L’album anticipa l’uscita del film sulla vita della cantante di “Alghero” e “Un’estate al mare”. Non sono ancora stati divulgati i nomi dei protagonisti né ulteriori dettagli, l’unica conferma attuale riguarda la regia che vedrà, ancora, protagonista Carlo Fenizi, un regista molto vicino all’arte di Giuni Russo.

Attachment