MUSICA INDIPENDENTE

BIANCO: “PUNK ROCK CON LE ALI (MALIBU VERSION)” E’ L’ ULTIMO ESTRATTO DA “QUATTRO”

Punk Rock con le Ali (Malibu Version) è il nuovo singolo del cantautore e produtore Bianco disponibile su tutte le piattaforme digitale e in rotazione radiofonica. Il singolo è una versione più energica, speciale e pop della traccia presente nel suo ultimo album di inediti “Quattro”.

Bianco pubblica Punk rock con le ali (Malibu Version) a due mesi dall’uscita del suo ultimo album Quattro, uscito a gennaio per INRI. che racconta una storia d’amore e tutte quelle piccole cose che solo una persona innamorata può notare.
Il suo ultimo album ha già conquistato pubblico ed addetti ai lavori per il suo essere un disco pieno di musica, suonato e prodotto per essere sentito con calma ed attenzione, facendolo crescere ad ogni ascolto.

Alberto Bianco, conosciuto semplicemente come Bianco, e’ considerato tra i più affermati nuovi nomi della scena cantautorale torinese. Dopo l’esordio con Nostalgina nel 2011 e successivamente un anno dopo con il suo secondo album Storia del Futuro, è stato accolto come una delle nuove voci dell’indi italiano.

La sua carriera è decollata tra successi e collaborazioni con nomi come Linea77, Dente, Le luci della centrale elettrica. Un altro nome importante da ricordare è quello di Levante che lo ha scelto come produttore artistico del suo album d’esordio, Manuale Distruzione, e insieme a lei ha ripercorso l’Italia in tour.

Nel 2014 arriva il terzo lavoro, Guardare per Aria, una sorta di breviario sulla felicità che conquista il pubblico.
Altri tour e altri incontri lo portano alla realizzazione del suo ultimo album QUATTRO.

Quattro come la tappa che rappresenta: il quarto disco nelle vesti di cantautore, un capitolo di un libro che raccoglie storie e che cerca di venire a capo di quel che la vita riserva alla generazione degli attuali trentenni.
“Quattro” parla di amicizia ma anche della sua crescita. Di giocare a fare il grande, della bellezza di certi momenti e anche della voglia di distacco dai propri pensieri.

Undici tracce che si susseguono come brevi favole, una scrittura emozionata, introspettiva e diversa dal solito.
30 40 50” è il brano che apre il disco, un elenco di mi piace che raccontano il tempo che passa ma, allo stesso tempo, immaginano il futuro.