MANFREDI TUMMINELLO | Livemusicnews

MANFREDI TUMMINELLO
Biography
Manfredi Tumminello si avvicina allo strumento molto presto entrando a far parte della classe di chitarra classica del M° Nicola Oteri presso il conservatorio V. Bellini di Palermo dove otterrà la licenza di teoria e solfeggio con la Professoressa Francesca Sansone. Agli studi classici affianca sempre lo studio dell’improvvisazione esplorando vari generi, dal rock, blues, pop e soprattutto funk.

La sua educazione musicale lo vede viaggiare molto, prima a Bologna dove otterrà in diploma in “Higher education in contemporary and popular music” presso la Music Academy 2000, sede italiana della ACM “Middlesex University” Londra con insegnanti come Giacomo Castellano, Massimo Varini, gregh Koch, Mike Stern, Richard Smith.
A Bologna collaborerà con vari artisti dell’entourage emiliano e lombardo tra cui Federico Poggipollini, Andrea Nardinocchi, Pier Foschi (Jovanotti), Nebridio Fin, Gaetanano Puzzutiello (Paolo Belli), Elvezio Fortunato (Laura Pausini, Giusy Ferreri,…) e soprattutto Michele Centonze, produttore e storico chitarrista di Jovanotti, Elisa, Mietta, Luciano Pavarotti, direttore artistico del “Pavarotti and friends”, incontro che si rivelerà fondamentale per la sua crescita professionale e artistica come session e live musician.
Collabora come orchestrale per la turnèe invernale del musical “Jesus Christ Superstar” nella versione italiana riadattata dalla Compagnia della Rancia con la regia di Fabrizio Angelini.
Si trasferisce a Londra nel settembre del 2011 dove entrerà in contatto con gli ambienti più soul della capitale britannica frequentando tutti i locali storici e le jam più tradizionali. Si esibisce per la BBC per il programma televisivo “Matt Lucas Awards”, collabora con numerose band e dj locali come live e session musician lavorando come chitarrista e bassista ed esibendosi in numerose città quali Newcastle, Norwich, Manchester, Leeds, Birningham, Londra (O2 Theater).
Nell’estate del 2012 torna in Italia ed entra a far parte della Band dell’artista ennese, Mario Incudine, con cui collabora come chitarrista, corista e bassista. Il progetto Mario Incudine lo vede coinvolto in turnèe lungo tutto lo stivale e all’estero (Grecia, Francia,…).
Nel maggio del 2015 si vede impegnato con l’ INDA – Istituto Nazionale del Dramma Antico – presso il Teatro Greco di Siracusa come orchestrale nell’opera “Le Supplici” di Eschilo, regia di Moni Ovadia e Mario Incudine.
Nel febbraio 2016 pubblica il suo primo album solista dal titolo “SOLO”, composto da 6 tracce strumentali di propria composizione ed una cover (Overjoyed, S. Wonder). Il primo video clip estratto dall’album, “MUSIC EXISTS” viene pubblicato nel proprio canale youtube dall’etichetta “CANDYRATS” raccogliendo consensi a livello internazionale.
Nel 2017 diventa “GODIN ARTIST” intrecciando così un rapporto di endorsement con il marchio di chitarre canadese. Con il quartetto di chitarre “ QUATTRO” (Umberto Porcaro, Claudio Terzo, Ferdinando Moncada e M.T. appunto) è testimonial del famoso marchio di chitarre “MARTIN GUITARS” tramite la distribuzione della “EKO” con la supervisione del punto vendita di riferimento per tutta la Sicilia “GUITAR POINT”sito in Palermo.
Da anni collabora come didatta presso il C.A.S.T. di Palermo.
Attualmente Laureando in chitarra classica al conservatorio V. Bellini nella classe del Maestro Maurizio Norrito
Collaborazioni :
Mario Incudine
Moni Ovadia
Paolo Belli
Francesca Incudine
Mario Venuti
Kaballà
Toni Canto
Pilar
Beppe Servillo (Avion Travel)
Sagi Rei
Silvia Mezzanotte
Matteo Beccucci
Moreno
Miele
Fede Poggipollini (Ligabue)
Ivana Spagna
Lello Analfino
Massimo Scalici
Ernesto Maria Ponte
Antonio Pandolfo
Matt Lucas Awards – BBC Tv Show
Michele Centonze (Jovanotti, L. Pavarotti, S. Wonder, Phil Collins, Skin, Cranberries,…)
Compagnia della Rancia
Naomi Thompson
Pier Foschi (Jovanotti),
Michele Centonze (SONY),
Fausto Mesolella (Sugar Label),
Gian De Martini,
Andrea Nardinocchi,
Dargen D’amico,
Mike Marlin
Dee Dee Loves Me
Pivirama
Threesome
Pete Walter Band
Cantu Strittu
Alessandra Salerno
La Casa del Vento